L’integrazione impossibile

Dopo i fatti di ieri accaduti in via Cenisio a Bergamo, all’interno del centro islamico, il Coordinatore Provinciale di FN esprime tutta l’indignazione e la preoccupazione dei cittadini bergamaschi contrari ad una integrazione che, ormai si è capito in tutta Europa, è impossibile.
Occorre un’attenta riflessione infatti sulle parole del presidente del centro islamico, soggetto che ha deciso per la chiusura del luogo di preghiera in accordo con le autorità , fino alla chiusura delle indagini in atto per capire la provenienza dei fondi che finanziano questo centro islamico.
Questa la dichiarazione rilasciate da Mohamed Saleh in seguito all’occupazione del centro da parte di una quarantina di islamici:”Queste persone non fanno parte del nostro gruppo !È gente pericolosa, simile a quelli che compiono attentati”.
“Non si possono lasciar cadere senza reagire queste affermazioni – dice Rizzini di FN- bisogna combattere ogni forma di fondamentalismo, occorre evitare che si verifichino fatti come quelli di Monaco di Baviera, accaduti quest’oggi”…
” se Saleh dice il vero- continua Rizzini- servono indagini specifiche antiterrorismo: è chiaro infatti che, dopo Parigi, Nizza, Monaco, Bruxelles, nessuno possa sentirsi più sicuro in nessun luogo, nemmeno nelle nostre città. Questo è l’ennesimo atto che fa da corollario per un’integrazione impossibile e pericolosa per i cittadini”.
Forza Nuova- conclude il Coordinatore Provinciale- vigilerà perché in nome di questa integrazione ipocrita non si prevarichino i diritti della popolazione bergamasca.”

Ufficio Stampa