Aggressioni a Forza Nuova

Aggressioni a Forza Nuova: Fiore (FN).

Saremo a Bologna il 18 a rappresentare gli Italiani che sono disposti a combattere in difesa della famiglia

” Ieri, in molte città d’Italia, sono accaduti fatti gravissimi e intollerabili, aggressioni violente che intendevano impedire la libera manifestazione del pensiero”; netta la presa di posizione di Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova, sulle violenze di cui si sono resi protagonisti estrema sinistra, centri sociali e associazioni gay
“In special modo a Bologna, aderenti alle “Sentinelle in Piedi” ed alcuni militanti di Forza Nuova, al termine di una protesta silenziosa e pacifica, regolarmente autorizzata dalla Questura, sono stati ingiuriati e aggrediti, a rischio di linciaggio, sotto gli occhi di una Polizia che nulla ha fatto per impedire che venisse leso il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, facendo allontanare chi ne aveva il pieno diritto, anziché allontanare chi intendeva negarlo con la violenza”.

“Sporgeremo denuncia verso la Questura di Bologna per omissione di atti d’ufficio, siamo sicuri che nessuno di coloro che hanno preso parte all’aggressione verrà denunciato né per le violenze e le minacce né per il reato di manifestazione non autorizzata, siamo stanchi – ha proseguito Fiore – che in Italia la maggioranza della popolazione, per di più quando manifesta nel solco del buon senso comune, debba essere accusata dai violenti di essere violenta, attaccata fisicamente, costretta a subire la prepotenza di personaggi a cui le Questure non sanno o non vogliono opporsi”.
“Forza Nuova organizza e/o partecipa da sempre alle varie forme di protesta pacifica in difesa della famiglia naturale, che si moltiplicano in modo direttamente proporzionale all’avanzata del delirio omosessualista, perché rappresenta quei valori tradizionali che la deriva nichilista del liberalmarxismo punta a distruggere, rivelando così, miseramente, di quale specie di libertà si sia ridotta a sbraitare istericamente”.

“Quanto accaduto ieri – ha concluso – ci ha convinto ad organizzare un nuovo corteo – insieme agli altri, confermati, sempre il 18 ottobre di Ancona, Bergamo, Napoli e Palermo – proprio a Bologna; sarò presente in prima persona e invito tutte le realtà militanti e tutti i cittadini di buon senso che vogliono dire basta al vero e proprio Terrore giacobino attuato da gruppi di sinistra che, con l’avallo delle forze dell’ordine, pensano di poter fare il bello e il cattivo tempo,
perché fautori di una anomala forma di tolleranza che si applica soltanto con i loro simili e non con chi, la maggioranza degli italiani, non la pensa come loro”

 

 

aggressionibo

Lascia un commento