Anche a Bergamo, come a Roma

Il presidente dell’Isrec: «Fu un eroe del fascismo, non si può celebrarlo»

 

Corriere Bergamo: ultime notizie Bergamo e provincia Il presidente dell’Isrec: ‘Fu un eroe del fascismo, non si può celebrarlo’ L’edizione di Bergamo del Corriere della Sera con le ultime notizie di cronaca, sport, politica aggiornate in tempo reale e un’agenda con tutti gli eventi di Bergamo e provincia.

“La storia la fanno i vincitori” si dice, ma quando oramai sono passati 70 anni, ha senso cancellare una parte della nostra Storia, solo per partito preso?

Solo perchè, un eroe fascista, in quanto tale, non fa parte della storia che si vuole far ricordare, per affossare e cancellare quella parte di storia che aveva, a suo tempo, reso grande l’Italia, solo perchè oggi è ritenuta “non celebrabile”. E chi si arroga il diritto di dare una tale notizia?

Ovviamente l’ISREC di Bergamo, che non essendo assolutamente di parte, decide che l’Italia deve ricordare solo quello che fa comodo a loro?

Anche no!

#giulemanidalocatelli

<< Forza Nuova Bergamo >>

 

DEMOCRAZIA ?

Ancora una volta a FORZA NUOVA è stato vietato il centro della città di Bergamo, nonostante nessuna attività politica antagonista e la giusta tempistica per la nostre richiesta.
Quindi Forza Nuova nei prossimi giorni presenterà una richiesta con diverse date per i mesi estivi per poter manifestare in centro città (ricordiamo che Forza Nuova è un movimento politico legalmente riconosciuto e che ha il sacrosanto diritto di manifestare in qualunque piazza come tutti e le realtà politiche nazionali).
In caso di diniego da parte delle autorità competenti, i militanti di Forza Nuova Bergamo saranno presenti nei luoghi richiesti e pubblicizzati per volantinare (non occorre nessuna richiesta e autorizzazione per volantinare).
Tantissime le telefonate e le mail di bergamaschi che chiedono la nostra presenza in centro città e non solo.
Questa è la missione di Forza Nuova: essere al fianco e in difesa del Popolo italiano.

<< Forza Nuova Bergamo >>

No Expo, altro esempio di civiltà di derivazione sinistroide

“E’ assurdo che, appena due giorni fa, venga vietato, per inesistenti motivi di ordine pubblico, l’annuale, ordinatissimo corteo in memoria del sacrificio di Sergio Ramelli – mai causa di alcun tipo di problema – e che, due giorni dopo, venga invece autorizzato un concentramento di centri sociali, provenienti da tutta Europa, con relativo corteo in pieno centro città”, netta la presa di posizione, sui disordini di oggi a Milano, del segretario nazionale di Forza Nuova, Roberto Fiore, che aggiunge:
“Non capisco, inoltre, come tutto ciò sia stato possibile dopo che, nelle ore immediatamente precedenti alla giornata di oggi, nelle abitazioni e nelle sedi degli organizzatori della manifestazione siano state rinvenute armi, molotov e materiale atto ad offendere.
Decine di automobili bruciate, fiamme all’interno di abitazioni private, arredi disintegrati, danni per milioni: tutto questo grazie all’inconsistenza del ministro dell’Interno e all’ottusità del prefetto e del questore di Milano che dimostrano, per l’ennesima volta, di essere proni alle cattive intenzioni dei centri sociali”.
“Contro il disordine – conclude Fiore – l’odio ed il caos, Forza Nuova comunica che, nei prossimi giorni, scenderà in piazza con le sue camicie bianche in decine di città italiane; e che proprio Milano, volenti o nolenti, sarà la prima di una serie di manifestazioni che ci vedranno protagonisti come autentica alternativa al disordine voluto dal potere”.

Forza Nuova
Ufficio stampa

Anti Expo a Milano
NoExpo a Milano